Il Festival

Il Lago Maggiore Guitar Festival propone un percorso di quattro giorni che include la chitarra classica ed elementi importanti nella formazione del musicista. Nella chitarra classica sono presenti anche i Maestri Mauro Bonelli, chitarrista e compositore, Andrea Leveratto, Blagovest Georgiev e il liutista Sandro Volta, uno dei più importanti esperti e profondo conoscitore di strumenti antichi.

Laboratorio di Composizione Strumentale

Il Laboratorio propone un percorso di studio degli elementi importanti nello studio della composizione che servono a formare la base di conoscenza della partitura e di interpretazione e di stimolo per avvicinare lo studente alla scritura musicale.

Durante il laboratorio si realizzeranno uno o più brani per chitarra classica solista oppure in formazione cameristica. Il corso è in collaborazione con gli allievi strumentisti del Lago Maggiore Guitar Festival che eseguiranno le composizioni durante il concerto conclusivo di domenica 14 aprile 2019 alle ore 17:00.

Musicisti in Residenza

Christian Cocolicchio, chitarra e Direttore Artistico

Nato a Porto Alegre (Brasile) ha iniziato i suoi studi di chitarra classica presso il Conservatorio Palestrina di Porto Alegre dove ha frequentato corsi di Abel Carlevaro, Antonio Carlos Barbosa Lima e Eduardo Isaac. Nel 1995 ha ricevuto la Commenda Palestrina, riconoscimento consegnato a quelli che hanno rappresentato il conservatorio e la città all'estero. Ha partecipato al gemellaggio con il Conservatorio Antonio Vivaldi di Alessandria dove più tardi si è diplomato, frequentato il biennio in didattica strumentale e insegnato. Dal 1997 ha frequentato in diverse occasioni il “Fairbanks Summer Arts Festival” in Alaska dove ha studiato con musicisti jazz come Gene Bertoncini e Greg Hopkins. È docente di chitarra classica presso la scuola “L. Cadorna “a Verbania. Dedicatario di diverse partiture di musica contemporanea, concertista come solista e di musica da camera in Brasile, Stati Uniti, Slovacchia, Svizzera e Italia. Christian Cocolicchio è Direttore artistico del Lago Maggiore Guitar Festival è inoltre Direttore Artistico del Concorso Internazionale Città di Stresa.

Mauro Bonelli, chitarra e composizione

Chitarrista e compositore genovese è stato docente presso l’“Accademia di Musica Moderna” di Milano al Conservatorio Statale di Musica “N. Rota” di Monopoli (Ba) ed al Conservatorio di Musica “A. Vivaldi” di Alessandria. Musicista eclettico ha lavorato, in qualità di esecutore ed arrangiatore a produzioni di artisti internazionali come Amii Stewart e Lou Reed. E’ attivo anche nell’ambito della “early music”e delle interpretazioni filologiche sino all’ottocento. Ha registrato con Sandro Volta opere per due chitarre di Ferdinando Carulli, pubblicate da Gendai Guitar di Tokio. Alcune sue composizioni pubblicate dalla casa editrice Berben di Ancona come le produzioni discografiche, sono state recensite dalle più importanti riviste del settore (Gendai Guitar- Giappone, Suonare News- Italia, Special Klassic- Germania); altre composizioni inedite con clavicembalo sono state inserite nell’importante catalogo dell’Associazione Clavicembalistica Bolognese “Il Clavicembalo nella Musica Contemporanea Italiana”. Ha composto tra l’altro “Epico 2010“ per orchestra, commissionatogli da Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura. Le sue composizioni sono state eseguite in Italia, Francia, Svizzera, Inghilterra, Irlanda, Corea del Sud, Cina, Brasile eVenezuela. Ha inciso per Tactus, GuitArt, Map Lyra Classica , Gendai Guitar, Dryno Records e Airplane Records. Dal 2012 collabora, in qualità di Professore d’orchestra con il Teatro “Carlo Felice” di Genova.

Sandro Volta, Liuto e chitarre storiche

musicista eclettico, si è esibito nelle maggiori capitali europee e negli Stati Uniti. La sua attività, prevalentemente orientata sul repertorio italiano dal primo barocco al primo classicismo, è supportata da numerosi titoli discografici che hanno sempre suscitato l'interesse della critica specializzata per le sue originali peculiarità d'interprete. Premiato da Diapason, Le Monde de la Musique e Alta fedeltà, ha vinto (unico artista italiano con Claudio Abbado) il Gran Prix Du Disque di Parigi del 1994. Le sue registrazioni ,legate principalmente alle etichette Arion,Tactus e Brilliant sono regolarmente diffuse da Radio France,BBC,ABC,Radio Beethoven ed altre emittenti a livello mondiale.E’ presente sul Groove, sul Dizionario L'Opera in cd e video di E.Giudici (Il Saggiatore),su Anthology of Baroque Music. Segnalato da Opera International con 5 stelle per la registrazione del dramma per musica Teuzzone di Antonio Vivaldi,ha inaugurato il Teatro Dovizi di Bibbiena con La Schiava Fedele di Antonio Cesti per la Regia di Pierluigi Pizzi,e successivamente diretto Griselda (Regia di Massimo Gasparon) e Fida Ninfa di Vivaldi nell'ambito del Festival Galuppi della Fenice di Venezia.Ha realizzato la prima discografica dell'Oratorio "San Giovanni Battista"di Antonio Maria Bononcini e diretto,con grande successo, la grande opera drammatica "Tamerlano" di G.F.Haendel,nonché la Coronatione di Poppea al Tetro all’antica di Sabbioneta con protagonista nella parte di Nerone il tenore Nigel Rogers. Ha realizzato con Maurizia Barazzoni l’integrale delle “Nuove Musiche” di Giulio Caccini Romano in cofanetto di 4 cd (Arion) e “Le Musiche da Cantar Solo” di Sigismondo D’India (Brilliant), Ariette e Cavatine (Opere vocali di Carulli e Giuliani con accompagnamento di chitarra) per Arion e “Love and Adventures Songs” ( Romances e Villancicos con accompagnamento di vihuela) per Dinamic. In qualità di cultore e solista di “strumenti antichi” ha realizzato significative monografie dedicate a Girolamo Kapsberger(liuto e tiorba), Robert De Visee,Ludovico Roncalli,Nicolò Paganini,Mauro Giuliani e Ferdinando Carulli,quest’ultima pubblicata parzialmente anche su cd Gendai Guitar di Tokio. Ha insegnato nell’ambito di numerosi Corsi Internazionali di Perfezionamento: Ravello, Stresa, Belluno, Pamparato, Trivero, Genova Nervi, Zurich, Budapest, e altri ancora. La sua attuale ricerca nell’ambito della chitarra è rivolta in maniera particolare ai repertori barocchi, che esegue con la “chitarra alla spagnola” e a quelli dell’ottocento dove ha esteso i suoi contributi attraverso lo studio comparato dei metodi italiani (Carulli , Carcassi e Giuliani) e spagnoli ( Sor e Aguado) che ha tradotto in italiano, nonché ai problemi legati all’organologia ed il restauro degli strumenti storici. Suona solitamente su chitarre francesi quali Charpitel e PetitJean ma anche su Panormo e Fabricatore. Recentemente ha registrato brani di Tarrega e Albeniz su una chitarra Manuel Ramirez. Madrid, 1910 restaurata dal liutaio Lorenzo Frignani.

Matteo Bertolina, compositore

ha conseguito il diploma di Pianoforte con la M° Silvia Leggio e di Composizione con il M° Paolo Ferrara presso il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria, nel medesimo istituto si è laureato con lode in Tecnologie del suono. Suoi brani strumentali, corali ed elettroacustici sono stati eseguiti alla ElectronicMusicWeek2011 di Shanghai, in Italia, Spagna, Portogallo (Musica Viva Festival), USA (Composer's voice – Fifteen Minutes of Fame), Francia (Journées Art & Science), Germania (Plathner's Eleven Composition Competition, 250 piano pieces for Beethoven) e radiotrasmessi dal canale Antena 2 della RTP (Radio portoghese). Dal 2011 al 2014 è stato direttore artistico del gruppo vocale “Li ósc' da Forba”, nel 2012 ha approfondito lo studio della musica elettronica presso l'University of Georgia. Ha vinto il primo premio assoluto al V Concorso Internazionale di Musica AMIGDALA ed il secondo premio al concorso di composizione “Fratelli Pedrotti” del Coro della SAT, recentemente è stato selezionato tra i compositori che realizzeranno la raccolta “Giro giro canto 6 – Feniarco” per cori scolastici. Dirige il “Coro Stelvio” ed i suoi brani sono pubblicati da “Edition Musica Ferrum”.

Mauro Bonelli e Andrea Leveratto, Duo

si sono diplomati in chitarra al Conservatorio Musicale N. Paganini di Genova e dopo diverse esperienze musicali hanno dato vita al duo che li ha portati a suonare in tutta Italia con grandi consensi di critica e pubblico. Il successo e l’indubbia capacità interpretativa hanno favorito l’interesse verso il duo Bonelli – Leveratto di vari compositori contemporanei che hanno scritto appositamente per loro diversi brani per due chitarre. Nel 1997 la casa editrice Bèrben ha pubblicato la loro trascrizione del Concerto Italiano di J.S.Bach dalla quale è scaturito nel 2000 il CD “I Capolavori del Barocco” pubblicato dalla casa discografica Map-Lyra Classica contenente tutte trascrizioni realizzate dal duo.

Get in Touch